Le abilità di programmazione che ti faranno trovare lavoro nel 2015

Che tu sia alla ricerca di un programmatore o stia muovendo i primi passi nel mondo della programmazione, sapere quali sono i linguaggi e le competenze più richieste del momento ti offrirà uno strumento prezioso.

Gli studenti di oggi spesso si sentono dire che l’apprendimento di un linguaggio di programmazione è la chiave per una carriera lucrativa e di successo. Il problema sorge nel momento in cui si tenta di scegliere un linguaggio. La scelta dei linguaggi è davvero ampia e non tutti si trovano sullo stesso piano quando si tratta di trovare lavoro o, viceversa, quando è il potenziale datore di lavoro a effettuare la ricerca.

Popolarità

I linguaggi più ampiamente diffusi sono più versatili rispetto ai linguaggi di nicchia meno richiesti, e basare un progetto su un linguaggio popolare rende più facile il processo di ricerca del personale.

Pertanto, non c’è da stupirsi che, in un mondo sempre più incentrato sul cloud e sulle app, secondo i dati dell’European App Economy report 2015 di VisionMobile, Java sia indicato come il linguaggio di programmazione più popolare in tutta Europa, dopo HTML5, il linguaggio di markup per la strutturazione delle pagine web. Un’analisi del servizio di archivio del codice GitHub svolta dalla società di ricerca statunitense RedMonk rivela che non si tratta di una tendenza locale: Java occupa il primo posto a livello globale, analogamente al linguaggio dinamico simile di nome ma non di fatto, JavaScript.

Coloro che sono alla ricerca di un lavoro di programmazione si troveranno con ogni probabilità ad affrontare un test, e un’analisi svolta da CodeEval suggerisce che Python, un linguaggio ampiamente diffuso in ambito scolastico, è di gran lunga la scelta più popolare in un tale contesto.

Tecnologia mobile


La conoscenza del linguaggio più richiesto deve però essere accompagnata dalla consapevolezza di quale sia il più adatto per svolgere un determinato compito, specialmente quando si assume nuovo personale. Con il passaggio di tante società allo sviluppo delle app per dispositivi mobili, sta emergendo un quadro differente: Vision Mobile segnala che la popolarità della piattaforma iOS di Apple ha contribuito a creare, solo nel Regno Unito, 180.000 posti di lavoro, i quali richiedono un profilo di programmazione ben diverso.

Mentre JavaScript regna supremo sul web e Java per progetti che richiedono la portabilità cross-platform, Swift di Apple, basato sui linguaggi di programmazione C e Objective-C, sta prendendo sempre più piede. Nonostante quest’ultimo sia stato introdotto solo quattro mesi prima della compilazione del report di VisionMobile, si è classificato al sesto posto come linguaggio più popolare in Europa, ed è probabile che guadagnerà rapidamente altre posizioni in tale classifica.

Insieme di competenze

Naturalmente i progetti tecnologici non si basano soltanto sui linguaggi. Il personale deve essere in possesso di svariate competenze. Nel suo Jobs Report 2015, la Linux Foundation ha rivelato l’elevata popolarità dei profili di candidati con conoscenza del sistema operativo open-source, richiesto dal 97% dei responsabili della ricerca del personale. Altre competenze altamente richieste includono la conoscenza delle piattaforme di cloud computing, mentre un sondaggio indirizzato agli sviluppatori da Stack Overflow ha suggerito che la conoscenza di Git, più di qualsiasi altro sistema di controllo versione, è una garanzia di trovare un buon impiego per qualsiasi candidato futuro.

È proprio il caso di dire che, nella programmazione, così come nella vita, le aziende e i potenziali dipendenti devono badare attentamente al linguaggio.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

L’ufficio del 2020

Cosa devono sapere le organizzazioni del 21° secolo